Guida alla scelta dei foam roller per professionisti: quali acquistare? Consigli e valutazione prodotti

Il foam roller, o rullo in schiuma, è un attrezzo che nasce come strumentazione fisioterapica, ma nel tempo si è diffuso in tanti altri ambiti. Questo attrezzo ha una forma cilindrica ed è realizzato in poliuretano, schiuma viscoelastica o schiuma EVA. La sua lunghezza, nella versione standard, è di circa trenta centimetri, mentre il diametro misura circa quindici centimetri.

Oltre all’uso medico possiamo collocare il foam roller nell’ambito sportivo come attrezzo per l’esecuzione di diversi esercizi. E’ inoltre molto utile per la pratica dell’automassaggio, ovvero il massaggio gestito da noi stessi, per sciogliere tensioni e allontanare piccoli fastidi.

L’uso pratico del foam roller

Nella maniera più pratica possibile, proviamo a spiegare i diversi impieghi di un foam roller:

  • nell’ambito sportivo, che sia esso a livello dilettantistico, amatoriale o professionistico, il rullo può essere usato in tanti modi. In primo luogo, come aiuto nella realizzazione di diversi esercizi a corpo libero. Esso può rappresentare un sostegno oppure una difficoltà in più che aumenta anche l’intensità dell’esercizio stesso. In secondo luogo, possiamo usare il rullo come strumento per il riscaldamento ed il defaticamento, due elementi dello sport che non dobbiamo mai sottovalutare. Preparare i muscoli all’allenamento che stiamo per compiere è importante per evitare strappi o fastidi, allo stesso tempo fare stretching ci aiuta nel recupero, soprattutto dopo un allenamento intenso. Infine alcune discipline come lo yoga ed il pilates, usano il foam roller come parte integrante dell’allenamento, quasi indispensabile per lo svolgimento corretto della disciplina stessa.
  • quando vogliamo invece usare il rullo per praticare l’automassaggio, dobbiamo sapere che esso è legato allo sfruttamento del peso del nostro stesso corpo che esercita pressione e va a massaggiare la parte interessata. Quando, ad esempio, vogliamo massaggiare il collo ci basterà poggiarlo su rullo che avremo precedentemente posizionato sul pavimento aiutandoci con un tappetino. Una volta sdraiati e posizionati nel modo giusto, dovremo semplicemente muoversi in avanti e all’indietro per poter massaggiare la zona cervicale. L’azione rotante del rullo che con il movimento del nostro corpo appunto ruota, coadiuvata dalla pressione che il peso del nostro corpo esercita, saranno ideali per esercitare un massaggio intenso ed efficace sulle fasce muscolare di collo e spalle per sciogliere le tensioni accumulate e decontratturare i muscoli stessi. Questa pratica può essere eseguita su tutto il corpo e per ogni zona esistono esercizi e movimenti differenti in base allo scopo che vogliamo raggiungere.

Quale modello di rullo fa al caso mio?

In base all’uso che vogliamo farne è necessario scegliere il foam roller giusto.

Prendendo ad esempio le due situazioni tipo che abbiamo descritto nel paragrafo precedente, possiamo affermare che:

  • nell’ambito sportivo è consigliabile optare per un rullo di dimensioni standard con una densità media ed una superficie liscia.
  • nell’ambito dell’uso domestico per automassaggio è consigliabile scegliere la versione standard nelle dimensioni nella maggior parte dei casi, quella lunga o extra lunga quando abbiamo una fisicità più importante. La densità in questo caso è preferibile media in un primo periodo e poi maggiore quando si è diventati un po’ più bravi nell’utilizzo del prodotto. Lo stesso discorso vale per la superficie che nel momento iniziale è liscia per poi diventare, se si vuole un massaggio più intenso e profondo, a griglia o in rilievo.
Per quanto riguarda le dimensioni il discorso è abbastanza ampio. Le dimensioni standard del foam roller, che abbiamo menzionato nella prima parte dell’articolo, sono ideali nella maggior parte dei casi e sono state ideate apposta per essere adatte in molteplici situazioni. E’ vero anche però che ci sono alcune zone del nostro corpo che possono essere più estese e per poterle gestire al meglio si avrà bisogno di un rullo più lungo. Al contrario, le zone meno estese possono essere gestite con rulli di dimensioni più piccole, a volte più maneggevoli delle altre versioni.

Quali sono i foam roller consigliati per i più esperti?

Chi usa il foam roller da tanto tempo e per diversi motivi, saprà bene come gestire i vari esercizi per sfruttare al meglio i benefici del rullo e non farsi male.

Le persone più esperte, o magari uno sportivo professionista che usa il rullo nell’ambito del suo allenamento, avranno bisogno di un foam roller che assicuri loro alte prestazioni.

Ed è per questo che se siete esperti nell’uso di questo attrezzo potrete scegliere una versione differente rispetto al modello che invece può essere adatto a chi si sta approcciando da poco a questo prodotto.

  • Se siete sportivi professionisti o usate il rullo nel vostro allenamento in palestra o a casa da tempo, potrete optare per il rullo più rigido che vi assicurerà un sostegno fondamentale nel vostro utilizzo.
  • Quando invece impiegate il roller per l’automassaggio ma ormai lo praticate da mesi in modo costante, è giusto spingere l’asticella un po’ più su cambiando il rullo.

Perchè è necessario cambiare rullo? Costerà di più la nuova versione?

Il cambiamento porterà ad un beneficio maggiore nella pratica del massaggio poichè esso sarà più intenso e perciò positivo:
  • superficie con bottoni propriocettivi
  • densità alta
Queste sono le due caratteristiche del rullo da massaggio per i più esperti. La densità più alta vi permetterà di avere una resistenza maggiore dal rullo che non si deformerà eccessivamente sotto il vostro peso. I bottoni propriocettivi ricreeranno in qualche modo le dita di un massaggiatore e la loro portanza differenziata insieme alla forma differente, arriveranno a massaggiare intensamente le fasce muscolari.

I bottoni propriocettivi sono gli elementi che costituiscono un rullo dalla superficie in rilievo. Essi infatti sono delle protuberanze che occupano l’intera superficie del rullo ed hanno forme e portanze differenziate. Il loro ruolo è quello di massaggiare in maniera profonda la zona interessata. La loro forma dà modo ai bottoni di arrivare anche nelle zone più impervie e profonde appunto, per un massaggio decisamente più completo e decontratturante.

Queste protuberanze possono però lasciare qualche segno o piccola lesione. E’ per questo motivo che sono sconsigliati per chi ha appena iniziato ad usare il rullo e non sa bene come gestirlo.

Nonostante la maggiore performance di un rullo specifico per i più esperti, il costo dello strumento non cambia. Esso infatti è comunque realizzato con gli stessi materiali economici delle altre versioni, ed ha lo stesso principio di funzionamento. Resta perciò un prodotto appartenente alla fascia di prezzo medio/bassa.

Sono Teresa e sono napoletana. Sono appassionata da sempre di libri, cucina e lifestyle. Mi piace chiacchierare e condividere le mie opinioni con gli altri. Il confronto è la via migliore per fare la scelta giusta e consigliarsi con gli altri è sempre utile. Sono molto attiva sui social media e sui miei profili parlo di tante cose, scambio consigli con la mia community e mi diverto. Il momento preferito della giornata per me è la colazione, che sia a casa o al bar amo svegliarmi con il mio cappuccino.

Back to top
menu
Rulli per la Schiena